When the moon is in the Seventh House
and Jupiter aligns with Mars
Then peace will guide the planets
And love will steer the stars

Quando la luna entrerà nella settima casa
e Giove sarà allineato con Marte
allora la pace guiderà il pianeta
E l’amore dirigerà le stelle

Questi sono i versi che fino a ieri partivano automaticamente nella mia testa al suono o alla lettura della parola Aquarius, conosciuta anche come colonna sonora del musical Hair:

Fino a ieri la cantavo, sorridente, mentre la mia immaginazione dava vita ad un gruppo di persone di diverse etnie che ballavano circondate da onde cromatiche dalle tinte arcobaleno.

Erano gli anni a cavallo del 1968, della famosa guerra del Vietnam, nei quali grandi movimenti di massa socialmente eterogenei, e queste due ultime parole vorrei sottolinearle, formatisi spesso per aggregazione spontanea, e ci terrei a sottolineare anche queste ultime due, interessarono quasi tutti i Paesi del mondo con la loro forte carica di contestazione contro i pregiudizi socio-politici.

Facevano il loro esordio nuovi movimenti che mettevano in discussione anche le discriminazioni all’etnia.

Harmony and understanding
sympathy and trust abounding
no more falsehoods or derisions

Ci saranno in abbondanza
armonia e comprensione
tolleranza e verità
non più ipocrisia e scherno

Gli obiettivi comuni ai diversi movimenti erano il miglioramento della società sulla base del principio di uguaglianza, l’anti-corruzione della politica in nome della partecipazione di tutti alle decisioni, l’eliminazione di ogni forma di oppressione sociale e di discriminazione razziale.

Oggi purtroppo mi si è contorta questa immagine è alla parola Aquarius vedo un barcone, solo, ed un solo colore.
Nessuno balla, nessuno canta, nessuno si lamenta, qualcuno si addormenta forse per sempre.
Qualcuno prega

Oh, care for us; Aquarius
Oh, abbi cura di noi, Acquario

Oggi ho la mente offuscata, la bocca serrata.
Forse stiamo dimenticando che la storia insegna che ogni guerra è uguale ad un’altra ed i civili non ne hanno colpe.
Forse stiamo dimenticando che nella storia anche noi ci siamo imbarcati per far fortuna in America.
Noi siamo stati accolti. Quanti di voi erano bambini?!

I have a dream – Martin Luter King

(Visited 7 times, 1 visits today)